Creare una famiglia

Nel consultorio medico dove lavoro abbiamo un paziente abituale che sia chiama Blender [in inglese, Frullatore]. È il suo nome di battesimo, il nome anagrafico. Non ho avuto l’opportunità di chiedergli cosa ci sia dietro a quel nome, ma sono curiosa di sapere cos’ha spinto i suoi genitori a chiamare il figlio come un apparecchio di cucina. Forse significa qualcosa di bello in un’altra lingua. Non ne ho idea.

Non possiamo sceglierci la famiglia in cui nasciamo. Sembra che alcune persone abbiano vinto alla lotteria delle famiglie — se qualcosa del genere esiste — geneticamente, economicamente o in termini di talenti e capacità, o anche solo sotto forma di una famiglia affettuosa e felice. Per altri non è così. Tutti conosciamo qualcuno con una storia familiare da spezzarci il cuore. Tutti conosciamo le nostre varie storie; il modo in cui genitori, fratelli e sorelle, zii e zie, nonni e cugini hanno avuto un’influenza positiva o negativa sulla nostra vita. O forse siamo cresciuti senza conoscere la nostra famiglia biologica, o conosciamo qualcuno che vive quella realtà.

Man mano che i miei figli crescono, riconosco sempre di più l’importanza di dedicarci alla nostra famiglia e impegnare tempo ed energie per creare la famiglia che vogliamo. La vita poi è già fin troppo piena e attiva, così sto imparando che devo riesaminare le mie priorità. Ecco alcune lezioni che sto imparando:

Fai quel che puoi con chi puoi. Non possiamo aspettare sempre che tutta la famiglia sia insieme per fare qualcosa. Tutte le dinamiche e le combinazioni della nostra famiglia sono importanti e contribuiscono alle vibrazioni dell’intero nucleo familiare.

La collettività è importante per la famiglia. È come nel detto: «Ci vuole un villaggio per allevare un bambino». La presenza di altre persone meravigliose nella vita dei nostri figli non fa che arricchirli — e lo stesso vale per noi genitori. Per questo frequentiamo la gente che vive intorno a noi e investiamo parte del nostro tempo per farlo.

Giorno per giorno. La cultura familiare si sviluppa nelle piccole cose: pregare insieme all’ora di andare a letto, un gruppo per i messaggi, le faccende domestiche, risa, abbracci, discussioni e tutte le cose di ogni giorno. Questi sono i fili che formano il tessuto di una famiglia, più delle vacanze estive o dei grandi avvenimenti. Apprezzate il valore e la bellezza di queste cose.

La famiglia che prega insieme rimane insieme. Uno dei modi migliori per insegnare ai nostri figli a dipendere da Dio è far vedere loro che ci appoggiamo a Lui.

Le famiglie forti creano una società forte. Credo fermamente che Dio si interessi alla famiglia come tale e voglia aiutarci ad avere famiglie forti e felici, anche in mezzo alle molte difficoltà che incontriamo.