Il rifugio segreto

Salmo 91,1:1 Chi abita nel riparo dell’Altissimo riposa all’ombra dell’Onnipotente.

Che vuol dire «abitare nel riparo dell’Altissimo»? Vuol dire stare in quell’angolo segreto, in comunione intima con Dio. La frase «l’ombra dell’Onnipotente» simboleggia la protezione divina. Quando entri in una comunione personale con Dio, sei sotto la sua ombra, sotto la sua protezione.

È una promessa, che però ha una condizione: dobbiamo fare la nostra parte restando vicino a Lui. Possiamo fare questo leggendo la sua Parola e facendo del nostro meglio per applicarla, prendendo le nostre decisioni con in mente Lui e i suoi principi guida spirituali.

Versetto 2: Io dico al Signore: «Tu sei il mio rifugio e la mia fortezza, il mio Dio, in cui confido».

In epoca biblica, castelli e fortezze fornivano la protezione migliore in tempo di disordini o di guerra, ma Dio è una sicurezza ancora maggiore.

Versetto 3: Certo egli ti libererà dal laccio del cacciatore e dalla peste micidiale.

Questo passo promette protezione da chi cerca intenzionalmente di intrappolarci, ma anche da malattie fisiche, come pestilenze o epidemie.

Versetto 4a: Egli ti coprirà con le sue penne e sotto le sue ali troverai rifugio.

È l’immagine che illustra come Dio mantiene al sicuro i suoi figli, come una chioccia che copre i suoi pulcini con le ali per proteggerli.

Versetto 4b: La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza.

Nella traduzione latina, la Vulgata, invece di fedeltà dice verità. E cos’è la verità di Dio? Una volta, in una preghiera al Padre, Gesù disse: «La tua parola è verità».2 Un altro passo ci esorta a prendere «lo scudo della fede, con il quale potete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno».3 La fede nelle promesse divine è la nostra protezione migliore.

Versetti 5 a 8: Tu non temerai gli spaventi della notte, né la freccia che vola di giorno, né la peste che vaga nelle tenebre, né lo sterminio che imperversa in pieno mezzogiorno.Mille ne cadranno al tuo fianco e diecimila alla tua destra; ma tu non ne sarai colpito. Basta che tu guardi, e con i tuoi occhi vedrai il castigo degli empi.

Anche se ci sono pericoli a ogni lato, Dio può aiutarti a superarli incolume.

Versetto 9: Poiché tu hai detto: «O Signore, tu sei il mio rifugio», e hai fatto dell’Altissimo il tuo riparo…

Se il Signore è il tuo rifugio e il tuo riparo, dove ti trovi? In un certo senso sei già in Cielo, perché è lì che Dio vive e tu hai trovato rifugio in Lui.

Versetto 10: …nessun male potrà colpirti, né piaga alcuna s’accosterà alla tua tenda.

Qui potresti dire che i mali arrivano anche alle persone che pregano per ricevere la protezione divina: si fanno male, si ammalano e hanno un sacco di altri problemi. Come può essere vera l’affermazione che «nessun male potrà colpirti»?

Considera cos’è un “male”. Quando il Signore lascia che ai suoi figli succedano cose apparentemente spiacevoli, spesso queste servono a insegnarci qualcosa o a edificare e fortificare il nostro carattere. Quando il nostro saggio e amorevole Padre celeste permette che succeda, lo fa per il nostro bene e perché «rende un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati esercitati per mezzo suo».4 Anzi, ci promette anche che tutte le cose cooperano al bene di quelli che lo amano.5

Versetti 11 a 13: Poiché egli comanderà ai suoi angeli di proteggerti in tutte le tue vie. Essi ti porteranno sulla palma della mano, perché il tuo piede non inciampi in nessuna pietra. Tu camminerai sul leone e sulla vipera, schiaccerai il leoncello e il serpente.

Grazie a Dio per i suoi angeli che vegliano continuamente su di noi, compreso il tuo angelo custode, che si occupa personalmente di te.6

Versetto 14. Qui è Dio che parla: «Poiché egli ha posto in me il suo affetto, io lo salverò; lo proteggerò, perché conosce il mio nome».

Le sue promesse hanno delle condizioni: Dio protegge chi lo conosce e lo ama. Il tuo amore, la tua fede e la tua fiducia in Dio e nella sua capacità di proteggerti sono ciò che attiva la sua potenza in tuo favore.

Versetti 15 a 16: «Egli m’invocherà, e io gli risponderò; sarò con lui nei momenti difficili; lo libererò, e lo glorificherò. Lo sazierò di lunga vita e gli farò vedere la mia salvezza».

Ci sono sei cose che Dio farà per noi quando invochiamo il suo aiuto:1) ci risponderà,2) sarà con noi nei momenti difficili,3) ci libererà 4) ci glorificherà,5) ci darà una vita lunga e produttiva e

6) ci farà vedere la sua salvezza.

  1. NR
  2. Giovanni 17,17
  3. Efesini 6,16
  4. Ebrei 12,11
  5. Romani 8,28
  6. Vedi Matteo 18,10

Ronan Keane

Ronan Keane è il direttore esecutivo della rivista Activated.