Pranzo con picnic

In una di quelle splendide giornate di primavera che ti fanno cantare il cuore, la nostra famiglia è uscita per una gita a Bodnant, un famoso giardino botanico nel Galles. Abbiamo passato ore a esplorare 32 ettari di prati e terrazze; a immergerci in una cascata di colori e fragranze, camminando in mezzo a rododendri, tulipani e gigli; ad ammirare vari esemplari di alberi che si stendevano quasi a voler toccare il cielo azzurro, incorniciati in lontananza dalle montagne di Snowdonia.

A quel punto eravamo pronti per il pranzo e ci siamo seduti a goderci il nostro picnic fatto di panini con formaggio, prosciutto e pomodori.

A questo proposito dovremmo spendere una parola di ringraziamento per John Montagu. Era un inglese del diciottesimo secolo, Lord dell’Ammiragliato. Come si racconta, a volte era troppo occupato per sedersi a tavola e pranzare, così chiedeva ai suoi servitori di portargli una fetta di carne tra due fette di pane, per poter mangiare dov’era. Aveva il titolo di Conte di Sandwich; da lì ebbe origine il «sandwich».

Il pane è il cibo citato più frequentemente nella Bibbia. Lehem, la parola ebraica usata per «pane» nel Vecchio Testamento, è usata 295 volte. Nel Nuovo Testamento, la parola greca è artos ed è usata 98 volte. La Bibbia parla di pane fatto di frumento, orzo, segale, lenticchie, miglio e perfino manna. Lo cuocevano su lastre di pietra o griglie di ferro, forse in un forno; poteva essere piatto e duro oppure lievitato.

Gesù ci ha insegnato a pregare: «Dacci oggi il nostro pane quotidiano».1 Naturalmente con questo intendiamo molto più che il semplice pane – più precisamente potrebbe essere «il nutrimento vitale», in senso sia letterale sia figurato. Non dobbiamo «vivere di solo pane», ma «di ogni parola che procede dalla bocca di Dio».2

Dio nutre il nostro corpo, la nostra mente e il nostro spirito. Il modo in cui provvede ai nostri bisogni – letterali e spirituali – è un’altra di quelle cose che ti fanno cantare il cuore.

Egli fa germogliare l’erba per il bestiame,
le piante per il servizio dell’uomo;
fa uscire dalla terra il nutrimento:
il vino che rallegra il cuore dell’uomo,
l’olio che gli fa risplendere il volto
e il pane che sostenta il cuore dei mortali.
Salmi 104,14-15 NR

  1. Luca 11,3.
  2. Matteo 4,4; Deuteronomio 8,3.