Le mani del maestro

Una madre portò il suo bambino, che stava imparando a suonare il pianoforte, a sentire un concerto del famoso pianista polacco Jan Paderewski. Appena la maschera li ebbe accompagnati ai loro posti, la mamma vide un’amica seduta qualche fila più avanti e andò a salutarla. Il bambino colse l’occasione per esplorare le meraviglie della grande sala concerti e finì con l’avventurarsi fino ad una porta su cui c’era il cartello «VIETATO L’INGRESSO». Quando le luci della sala si abbassarono indicando che il concerto stava per iniziare, la madre ritornò al proprio posto e scoprì che suo figlio mancava.

A un tratto, il sipario si aprì e i riflettori si accesero sul maestoso pianoforte a coda che stava sul palco. Con orrore la donna vide seduto sullo sgabello del pianoforte il suo bambino, che iniziò innocentemente a suonare le note di «Fra’ Martino». In quel momento Paderewski fece il suo ingresso, si avvicinò al pianoforte e sussurrò al bambino: «Non smettere. Continua a suonare».

Paderewski si chinò, posò la mano sinistra sui tasti e iniziò a suonare l’accompagnamento basso. Allungò la destra alle spalle del bambino e riempì la terza parte. Insieme, il vecchio maestro e il piccolo principiante trasformarono una situazione incerta in un’esperienza di meravigliosa creatività. Il pubblico restò affascinato.

Lo stesso succede con il nostro Padre Celeste. Ciò che noi possiamo realizzare da soli, con le nostre sole forze, non è degno di nota. Facciamo del nostro meglio, ma i risultati non sono esattamente una bella musica fluente. Ma con la mano del Maestro, l’opera della nostra vita può essere meravigliosa.

La prossima volta che t’impegni a realizzare grandi cose, ascolta attentamente. Potrai sentire la voce del Maestro che ti sussurra all’orecchio: «Non smettere. Continua a suonare». Sentirai intorno a te le sue braccia amorevoli. Saprai che le sue mani forti sono lì e ti aiutano a trasformare i tuoi piccoli tentativi in veri capolavori. Finché farai del tuo meglio per fare ciò che Lui sa che è meglio, sarà sempre lì ad amarti e a guidarti verso grandi cose.

Più permettiamo a Dio di prendere controllo su di noi, più diventiamo veramente noi stessi, perché è Lui che ci ha creato. Ci ha inventato. Ha inventato ognuno di noi, tutte le persone che dovevamo diventare. È quando mi rivolgo a Cristo, quando mi arrendo alla sua personalità, che inizio ad avere una personalità veramente mia. —C. S. Lewis