La pentola bruciata

Nemmeno le nuvole scure e le raffiche di vento gelato all’esterno sembravano cupe e fredde come il mio cuore. Mentre toglievo una pentola dalla credenza, la riempivo d’acqua e fagioli e la mettevo sul fornello, la mia mente vagava, ritornando agli avvenimenti delle settimane e dei mesi precedenti.

Due ore dopo, le mie narici sono state colpite da una zaffata improvvisa proveniente dal corridoio: fumo! Sono corsa in cucina. Nuvole di fumo nero – e il coperchio della pentola sbatacchiava per la pressione. Ho spento in fretta il fornello, ho afferrato la pentola, l’ho messa nel lavandino e ho aperto il rubinetto. Ho tolto il coperchio in mezzo a una nuvola di vapore.

L’interno della pentola era completamente annerito, dei fagioli non era rimasto altro che una massa carbonizzata e fumante. Perfino il coperchio era bruciato. Avevo già bruciato delle pentole in precedenza, ma mai così a fondo. Completamente rovinata! — ho pensato — Non c’è speranza, nemmeno a sfregarla.

Lì in piedi, circondata da fumo e vapore, non ho potuto fare a meno di vedere una somiglianza con la mia vita in quel periodo: un agglomerato bruciato e annerito. Rovinata! Non c’è nessuna speranza di aggiustarla.

Quella sera, sprofondando nel letto, i miei pensieri sono corsi a Gesù. Ti amo — mi ha sussurrato — e ti amerò sempre, qualsiasi cosa tu abbia fatto o non abbia fatto. Insieme, possiamo sempre ricominciare da capo.

La mia pentola bruciata è diventata un’ispirazione e mi ha dato coraggio quando i sensi di colpa hanno minacciato di soffocarmi. Ho passato ore a sfregarla con paglietta e detergente; a poco a poco il nero è diventato grigio, poi marroncino, infine ha ripreso il colore brillante originale. Man mano che tornava a risplendere, la mia fede riacquistava forza, continuando la scalata verso la guarigione interiore. Alla fine, mi è rimasta in mano una pentola bella lucida, senza una sola macchia nera.

Ho imparato che quando Dio perdona, non solo dimentica, ma guarisce. Il suo amore immortale ci dà il coraggio di rialzarci da dove siamo caduti, la fede per dimenticare il passato e la speranza di camminare verso il futuro.

*  *  *

Anche se i tuoi peccati ti hanno bruciata e annerita, Io ti pulirò e ti renderò di nuovo brillante. Anche se ti senti rovinata e carbonizzata, Io posso darti nuova vita. —Isaia 1,18 – parafrasato