Gestione finanziaria

Qualcuno una volta disse: “Vivere nel giusto modo finanziariamente non è complicato; potrebbe essere difficile, ma non è complicato”. È difficile perché farlo non significa soltanto imparare strategie finanziarie e tecniche gestionali; vivere nel giusto modo finanziariamente ha anche delle componenti spirituali. È importante avere una visione cristiana del denaro e usarlo nel modo giusto.

Il versetto biblico “l’amore del denaro è la radice di tutti i mali”1 è stato spesso frainteso come se implicasse che il denaro è la radice di ogni male. In realtà dice che l’amore del denaro è la radice di tutti i mali, e ciò è certamente vero. È realmente pericoloso attribuire ai soldi un’importanza indebita o un senso di sicurezza. Come molti hanno scoperto per esperienza personale, la sicurezza finanziaria può essere fugace, una sicurezza vera e duratura si trova solo nel Signore.

Ciononostante, abbiamo bisogno di denaro per vivere, prenderci cura dei nostri cari, della comunità e dare agli altri; quindi l’argomento finanziario è pertinente alla vita quotidiana di ognuno di noi.

La maggior parte degli esperti in questo ramo concorda su alcuni punti essenziali per una buona gestione finanziaria. Se cercate una formula che vi aiuti a gestire con saggezza i vostri soldi, vi raccomando di cominciare da questi cinque punti.

Quando si tira in ballo l’argomento dei soldi, o quando sentite termini come “stabilità finanziaria” o “risparmio”, potreste gemere, soprattutto se sentite la pressione di dover migliorare la vostra situazione finanziaria. Forse avete difficoltà, forse dei debiti. Forse non sapete se riuscirete a mettere da parte dei risparmi, o almeno tutti quelli che vorreste, a causa delle presenti circostanze. Prima di proseguire, voglio condividere con voi due pensieri incoraggianti.

Il primo è: con l’aiuto di Dio, niente è impossibile.

Il secondo è: qualsiasi obiettivo stabilito da Dio può essere raggiunto… un passo alla volta.

Così, se avete molta strada da fare per raggiungere i vostri obiettivi finanziari, se avete dei debiti, o se vi sentite scoraggiati, ansiosi o perfino disperati quando si tratta di questioni finanziarie personali, ricordate questo: la potenza di Dio può rendere possibile il vostro “impossibile”, soldi compresi.

Usando questa lente, diamo un’occhiata a questi cinque punti fondamentali per riuscire a gestire le vostre finanze.

1. Fate un bilancio di previsione e rispettatelo.

Nella gestione dei vostri soldi è essenziale avere un bilancio e rispettarlo. La seconda è la parte difficile, ma è anche la chiave per equilibrare e migliorare la vostra posizione finanziaria.

Il vostro bilancio rappresenta il piano di come spenderete il vostro denaro. Come dice Dave Ramsey: “Un bilancio è quando la gente dice ai suoi soldi dove devono andare, invece di chiedersi dove siano andati”. Vogliamo evitare di guardare al mese passato e chiedersi: Dove sono andati quei soldi?

1 Corinzi 4,2 dice: «Quel che si richiede agli amministratori è che ciascuno sia trovato fedele». Come amministratori diligenti del denaro che Dio ci ha affidato, poco o tanto che sia, dobbiamo avere un piano per le nostre spese e i nostri risparmi. Ecco dove rientra il bilancio di previsione.

La vita è piena di spese, ma per la maggior parte sono spese regolari che sappiamo arrivare a ritmo settimanale, mensile, trimestrale o annuale. Ogni spesa regolare o semi-regolare deve essere contabilizzata nel budget. Naturalmente, a volte si verificano vere emergenze che ci fanno sforare dal budget. Ne parleremo nel quarto punto.

Ecco alcuni suggerimenti per preparare un bilancio

* Identificate le vostre entrate reali e pianificate in base ad esse. Lavorate con entrate su cui potete contare regolarmente. Non includete tra le vostre entrate regolari donazioni uniche, gratifiche di fine anno o entrate del periodo natalizio. Pianificate iniziando con le normali spese per vivere, poi gli altri pagamenti essenziali; in seguito stanziate i fondi rimanenti per ripagare i debiti e mettere da parte qualcosa per le emergenze e altre necessità a lungo termine.

* Calcolate le spese realisticamente. Non serve a niente cercare di minimizzare le spese reali che non possono essere ridotte. Se riservate troppo poco al cibo o alla benzina perché sperate di risparmiate o vorreste spendere meno in quelle categorie, ma le cifre non sono realistiche, finirete con lo spendere lo stesso più di quanto avete messo in bilancio. Vi causerà stress e va contro lo scopo di avere un bilancio.

* Regolatevi secondo le necessità. Controllate ogni mese il vostro bilancio per mantenerlo aggiornato e stabilire i cambiamenti e le modifiche necessarie.

* Mantenete i dati in qualche modo che funziona per voi. Il sistema migliore è quello che funziona per voi, che si tratti di un applicazione finanziaria, buste divisorie o un quaderno.

2. Vivete entro le vostre possibilità.

Il modo di evitare i debiti e risparmiare è piuttosto chiaro: non spendete più di quanto guadagnate. Questa è stata definita “la regola finanziaria fondamentale” ed è l’unico modo in cui avrete soldi a sufficienza per coprire le spese e mettere da parte qualcosa.

Si possono fare molti passi falsi quando si tratta di vivere entro le proprie possibilità. Alcuni punti da ricordare sono:

* Vivete frugalmente. Essere disposti a sacrifici oggi può portare a dei vantaggi domani.

* Riconoscete la differenza tra lussi e necessità. Bisogni e desideri sono due cose diverse e chi sa risparmiare limita le compere che rientrano nella categoria dei “desideri”. Ha una visione a lungo termine. Sceglie di risparmiare e crearsi una stabilità finanziaria, invece di cedere davanti a voglie momentanee, lussi e “cose belle da avere”.

* Controllate le vostre abitudini. Molte persone hanno una o più abitudini costose. Potrebbero essere caffè o cappuccino, scarpe sempre nuove o mangiare fuori. Analizzate le vostre abitudini e scoprite che cosa potete eliminare per vivere entro le vostre possibilità o per risparmiare denaro.

* Evitate di comprare impulsivamente. Quando si presenta una possibile spesa non pianificata, aspettate qualche giorno per pensare se avete veramente bisogno di quell’oggetto. Un mio amico ha quella che chiama “la regola dei tre giorni”. Per qualsiasi acquisto importante, aspetta tre giorni prima di prendere una decisione. Questo gli dà il tempo di lasciar placare le emozioni e far intervenire la ragione, per assicurarsi che quella spesa sia necessaria.

* Ricavate gioia e soddisfazione da Dio e dai rapporti con gli altri, non dalle cose. Fa parte della natura umana volere le cose più nuove e belle, ma come cantavano i Beatles: “I soldi non possono comprarmi l’amore”. Né possono comprare salute, pace, amicizia o contentezza.

* Pagate in contanti. Alcune ricerche hanno dimostrato che è più facile spendere soldi facendo compere con una carta di credito. Quando si hanno in mano i soldi veri, ci si pensa due volte prima di comprare qualcosa; di conseguenza, se state cercando di risparmiare, provate a usare contanti o il bancomat.

* Visualizzate il raggiungimento del vostro obiettivo. Se cercate di creare un fondo di emergenza o di risparmiare per un bisogno specifico, o magari anche per qualcosa di speciale, ogni volta che avete davanti una possibile spesa o una decisione finanziaria, tenete a mente il vostro obiettivo finanziario. Se l’acquisto non servirà a raggiungere quell’obiettivo, chiedetevi se potete farne a meno.

* Godetevi le cose semplici e gratuite della vita. Ci sono molte cose da godere nella vita che non costano un dollaro, un euro, uno yen o una rupia. Cercate le cose semplici, godetevele e vedrete come possono essere significative alcune di queste attività o di questi momenti veramente “inestimabili”.

3. Evitate i debiti; pagateli se ne avete.

Il miglior modo per evitare i debiti è vivere secondo le vostre possibilità, ma se in questo momento avete dei debiti, non disperate. Per quanto la situazione sia difficile o duri a lungo, Dio è in grado di aiutarvi a ripagarli.

Ripagare i debiti, piccoli o grandi, richiede un piano, molto impegno e qualche sacrificio. A seconda dell’ammontare del debito, potrebbe essere necessario un atteggiamento aggressivo. Se l’obiettivo è mettere da parte soldi per il futuro, diventa assolutamente importante essere liberi dai debiti, perché molti tipi di debiti sono soggetti a interessi elevati. Dovrete eliminarli il più in fretta possibile. Sarà difficile, se non impossibile, migliorare la vostra posizione finanziaria e mettere da parte del denaro, se avete grossi debiti da saldare. Per non parlare del vostro senso di sollievo una volta che ve ne sarete liberati.

4. Risparmiate. Create un fondo d’emergenza.

Proverbi 13,11 afferma: “Chi accumula [ricchezze] a poco a poco le accresce”.2.

Il risparmio è importante. Anche se avete un bilancio ben pianificato e vivete entro i vostri limiti, ci sono dei motivi importanti per risparmiare. Probabilmente avete notato le parole incoraggianti nel versetto dei Proverbi sul risparmio: “a poco a poco”. Qualsiasi somma riusciate a risparmiare ne vale la pena — e vale la pena di cominciare a mettere da parte dei risparmi alla prima opportunità.

Un elemento notevole nella questione del risparmio è la creazione di un fondo di emergenza. Situazioni di emergenza capitano a tutti e non c’è modo di fare piani per prevenirle o sapere quando arriveranno.

Gli esperti raccomandano di avere dei fondi di emergenza per coprire le spese essenziali da tre a sei mesi. Non devono per forza coprire da tre a sei mesi del vostro bilancio completo, ma solo quel tanto che basta per cavarvela senza indebitarvi.

Cominciate ad aggiungere un’entrata “Fondo d’emergenza” nel bilancio mensile. Anche se riuscite a mettere da parte solo una piccola somma ogni mese, gradualmente essa aumenterà. Ricordate il concetto dell’“a poco a poco” indicato nei Proverbi.

Un fondo d’emergenza non deve essere usato per nient’altro che una vera emergenza. Le parole chiave sono “inaspettata” e “inevitabile”. Vorrete avere a disposizione questo fondo per i tempi brutti quando saranno effettivamente brutti, quando ne avrete veramente bisogno. È questo il valore del fondo d’emergenza.

5. Date a Dio e agli altri.

Dare a Dio e agli altri è una delle leggi spirituali che contribuiscono a una vita finanziaria sana e benedetta. Se in questo momento avete problemi finanziari, oppure state cercando di risparmiare per comprare una casa, creare un fondo di pensionamento, o qualsiasi altra cosa, potrebbe sembrare una contraddizione fare donazioni alle persone bisognose o dare in beneficenza. È normale pensare: Ho bisogno di quei soldi! Non posso permettermi di dare niente.

Ecco alcuni passi delle Scritture che sottolineano il valore del dare a Dio e agli altri:

C’è chi offre liberalmente e diventa più ricco, e c’è chi risparmia più del giusto e non fa che impoverire. —Proverbi 11,24 NR

Ora dico questo: chi semina scarsamente mieterà scarsamente; e chi semina abbondantemente mieterà abbondantemente.2 Corinzi 9,6 NR

Date e vi sarà dato […], perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi. —Luca 6,38

Come cristiani, siamo responsabili di usare il nostro denaro in modo che glorifichi Dio. Dare a Dio e agli altri non è un metodo per arricchirsi in fretta. È un impegno personale tra voi e Dio, che attira le sue benedizioni nella vostra vita, benedizioni che spesso arrivano gradualmente ma innegabilmente.

La maggior parte di noi ha affrontato, o affronterà, periodi di incertezza finanziaria. Come cristiani, abbiamo la benedizione di poter presentare i nostri bisogni e le nostre preoccupazioni al nostro Padre celeste. Egli vuole che ci affidiamo a Lui in ogni aspetto della vita, comprese le nostre necessità finanziarie. Ma dobbiamo fare la nostra parte essendo responsabili e presentandogli i nostri bisogni in preghiera. Poiché siamo suoi figli, sappiamo che ci ama. Gli stiamo a cuore e Lui ha promesso di prendersi cura di noi. “Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in più”.3

  1. 1 Timoteo 6,10
  2. NR
  3. Matteo 6,33